News

Il Marina Kaštela ha presentato al pubblico alcune novità nel corso di una bella cerimonia inaugurale, preceduta dalla manifestazione “Porte aperte” al Marina Kaštela il cui programma prevedeva l’apertura al pubblico della piscina, alcune lezioni dimostrative di vela e canottaggio e, per finire, il concerto del gruppo TBF. Il Marina Kaštela ha inaugurato il nuovo Centro velico sportivo internazionale e una piscina coperta che, durante l’anno, sarà messa a disposizione della cittadinanza. Si tratta di una piscina coperta di 25 metri, dotata d’impianto di riscaldamento, unica nel suo genere in Dalmazia e prima piscina della cittadina di Kaštela (Castelli). L’impianto ospita il club di nuoto Kaštela i cui iscritti, per allenarsi, erano finora costretti a viaggiare fino a Spalato.

Tra le strutture del complesso, realizzato grazie a un investimento di 53 milioni di kune, spiccano la piscina coperta – lunga 25 metri e dotata di tutta una serie di servizi complementari, il ristorante, il centro benessere Wellness & Spa, il Club velico – con tanto di banchina attrezzata, alcuni punti ristoro e la passeggiata lungomare dotata di tutte le infrastrutture necessarie.

Durante la cerimonia d’inaugurazione, nei locali del ristorante “Spinnaker” s’è svolta anche una conferenza stampa alla quale sono intervenuti il cap. Josip Berket, proprietario del Marina, il presidente della Regione spalatino – dalmata on. Blaženko Boban, che ha anche rappresentato il Governo della Repubblica di Croazia, il sindaco di Kaštela Denis Ivanović, il direttore del progetto “Mirno more – Flota mira “ (Mare calmo – La Flotta della pace) Michael Fuchs e, in rappresentanza della Repubblica d’Austria in Croazia, la sig.ra Martina Klenner-Auvillain.

“Il Centro velico internazionale sarà al servizio non solo del nostro club velico, ma anche di una società di canottaggio e una di pallavolo. Il club sarà anche molto attivo nell’organizzazione delle regate veliche. Riteniamo che l’organizzazione delle regate aumenterà il valore del marina, un po’ come succede nella città catalana di Barcellona. Intendiamo anche diventare la struttura nautica di riferimento di varie federazioni veliche internazionali: a questo proposito, siamo in trattative con le federazioni veliche nazionali della Finlandia e della Russia. Il prossimo passo prevede la costruzione di un albergo e un ostello entrambi con una forte connotazione sportiva”, ha sottolineato Josip Berket, proprietario del Marina Kaštela di Kaštel Gomilica (Castel Abbadessa).

Il Marina Kaštela, con i suoi 450 posti d’ormeggio, non ha alcun problema di capienza. La sua stazione di servizio, dotata di sufficiente pescaggio e buon approvvigionamento elettrico, è equipaggiata anche per accogliere i megayacht.

In contemporanea con quest’evento, il Marina Kaštela è onorato di ospitare, per la quarta volta, i bambini e i volontari che partecipano al progetto velico umanitario “Mirno more – Flota mira “ (Mare calmo – La Flotta della pace). Le circa 100 imbarcazioni che compongono la flotta saranno coinvolte negli eventi del programma sia in mare, sia a terra. Il progetto mette in risalto lo spirito unico della Flotta della pace, i cui equipaggi sono composti da bambini provenienti da situazioni di grave disagio socioeconomico e da bambini colpiti da una qualche disabilità fisica o psichica i quali, nonostante tutto, governano insieme la loro barca a vela, si divertono, cantano e ballano e, tra le altre cose, attraverso il gioco imparano un’importante lezione di vita: che possiamo e dobbiamo vivere tutti insieme in pace!

Il Marina Kaštela partecipa al progetto con quattro imbarcazioni, i cui equipaggi sono formati da bambini colpiti da diabete, da bambini senza assistenza genitoriale accolti nella Casa del bambino “Maestral” e da alcuni bambini con disabilità psichica assistiti dal Centro per la riabilitazione “Mir” di Rudine e dal Centro per la riabilitazione di Fonjica (Bosnia ed Erzegovina).

Allegato il video Mirno More :

Mirno More 2018

Il vostro BavAdria-Team

Educare alla tolleranza e rifiutare i pregiudizi non è mai stato così importante come ora!

Il maggior progetto velico dedicato alla pace e alla comprensione tra i popoli, cui prendono parte ben 720 bambini provenienti da 22 paesi, ha fatto tappa nel Marina Kaštela.

 “La flotta “Mare calmo” (“Flota mira – Mirno more”), il maggior progetto velico e umanitario riservato ai bambini, per la 24° volta s’è trovata a passare, durante la sua lunghissima crociera, davanti alle coste croate. Dal 15 al 22 settembre 2018, più di 100 imbarcazioni hanno accostato al porto del Marina Kaštela, la struttura ospitante che le ha accolte con un programma d’eventi ricco e vario. Come ogni anno, al progetto hanno preso parte anche le unità della BavAdria. Il progetto mette in risalto lo spirito unico della Flotta della pace, i cui equipaggi sono composti da bambini provenienti da situazioni di grave disagio socioeconomico e da bambini colpiti da una qualche disabilità fisica o psichica i quali, nonostante tutto, governano insieme la loro barca a vela, si divertono, cantano e ballano e, tra le altre cose, attraverso il gioco imparano un’importante lezione di vita: che possiamo e dobbiamo vivere tutti insieme in pace!

Purtroppo, la politica e gli eventi internazionali ci insegnano che la pace non è una cosa scontata. I flussi migratori, dovuti a una serie di concause come la guerra in Siria e le pessime condizioni socioeconomiche di alcune ampie aree del mondo, sono segni premonitori chiari e univoci. Consapevole di tutto ciò, “la Flotta della pace – Mare calmo” agisce con il proposito di promuovere il rispetto della Carta dei diritti dell’uomo, che garantisce la stessa dignità e gli stessi diritti inviolabili a ogni singolo individuo.

“Pace, ospitalità e solidarietà sostenibile non sono mai state così importanti e mai come ora necessitano del sostegno di tutti, a tutti i livelli della società civile”, ha dichiarato Michael Fuchs, uno degli organizzatori del progetto “Mare calmo”.

Gli ha fatto eco il dott. mag. Srđan Janjušić, suo collega ai vertici dell’organizzazione, il quale è del parere che occorra iniziare a lavorare in questo senso partendo dai più piccoli. “Perché proprio quei bambini che, nelle loro giovani vite, ogni giorno si trovano ad affrontare ostacoli e disagi socioeconomici, imparano durante la crociera “Mare calmo” che la convivenza pacifica tra esseri umani è la premessa indispensabile per vivere con gioia, divertirsi e fare esperienze positive”.

Martina Klenner-Auvillain, in rappresentanza del corpo diplomatico della Repubblica d’Austria in Croazia, dopo aver visitato il Marina Kaštela ha dichiarato: “Si potrebbe pensare che il contributo della Flotta della pace sia piccolo; sono convinta, invece, che proprio questo loro contributo alla pace, fornito attraverso il coinvolgimento diretto dei bambini, cui viene insegnato a rigettare i pregiudizi e ad essere aperti verso il “diverso”, sia essenziale”.

La Flotta della pace, durante la sua sesta visita nel Marina Kaštela, trascorrerà due giorni a terra. A questo proposito, sentiamo cosa ha dichiarato il proprietario della struttura ospitante, cap. Joško Berket: “Siamo alla vigilia di un’altra edizione “di Mare calmo”. Siamo tutti un po’ agitati e desiderosi di offrire ai bambini un’esperienza indimenticabile nel nostro Marina Kaštela. Attendiamo tutta la famiglia del progetto “Mare calmo” a braccia aperte, fieri e onorati di essere stati scelti come porto ospitante. Sono felice di poter offrire a tutti i partecipanti i servizi di una struttura che, quest’anno, è ancora più ricca, con una piscina coperta lunga 25 metri e la sede del club velico con una ampia banchina. Strutture che saranno a disposizione per tutto l’anno della cittadinanza della città di Kaštela (Castelli). Benvenuti a tutti!”.

Grazie a questo progetto, dal 15 al 22 settembre ben cento barche a vela costeggeranno la costa croata con a bordo centinaia di bambini e volontari provenienti da tutt’Europa. Diverse organizzazioni che da tanti anni si occupano, con professionalità e competenza, di assistenza ai bambini socialmente disagiati e senza genitori, sono la garanzia che i valori del progetto continueranno a essere promossi anche nel futuro.

Il progetto puo essere sguito in diretta sul seguente link: : www.facebook.com/friedensflotte

Il vostro  BavAdria Team

 

 

Discover with your sailboat, catamaran or motor yacht beautiful beaches in Croatia, Italy, Greece, Caribbean or one of the many other countries, where we can offer you our yacht charter service. Our team is always ready to help you choose the right boat for you, your friends and family.

We work directly with many partners in other countries. This results are price advantages and the process can be handled perfectly by us.

We look forward to your inquiry and to send you to your dream vacation at the best possible prices. BavAdria team is at your disposal for all your inquiries.

 

Anche quest’anno il Marina Kaštela ha ospitato il progetto socio-pedagogico internazionale Mirno more – flota mira(Mare calmo- flotta della pace) che consiste in un giro in barca a vela della durata di una settimana dedicato ai bambini dei gruppi marginalizzati di tutta Europa nel corso del qualesi svolgono tutta una serie di attività finalizzate a combattere i pregiudizi e a costruire la pace.

Una flotta costituita da 97 navi con 800 bambini e 200 volontari ha sostato per due giorni al Marina Kaštela, dove sono state organizzate molte attività per tutti i partecipanti. Siamo molto onorati e felici di aver ospitato nuovamente questa flotta alla quale abbiamo ceduto gratuitamente ormeggi, posti macchina e internet.

Il progetto è stato inoltre visitato dalla segretaria di stato per il mare Maja MarkovčićKostelac quale rappresentante del Ministero della marina, del traffico e dell’infrastruttura che quest’anno ha assicurato all’intera flotta ormeggi gratuiti nei porti delle regioni della Dalmazia.

Il Marina Kaštela e la Bavadria sono gli sponsor principali della vela nell’ambito di questo progetto perl’equipaggio del Mirno more (Mare calmo)Marina Kaštela, che coinvolge 4 imbarcazioni con giovani persone affette da diabete, bambini privi di cure familiari e persone con disturbi mentali. Venti persone in tutto hanno compiuto il giro in barca a vela ed erano accompagnate da volontari skipper, educatori e medici.